Creare una OTT: l’esperienza di Como TV

L’elettricità nel dover creare un nuovo progetto dal nulla, le sfide, la squadra, le vittorie e le sconfitte. Con l’emergenza Covid sullo sfondo e un modello che ha dovuto adattarsi velocemente

Le persone

Se scorro la mia Moleskine vedo che c’è una pagina intera con scritto Staff, cerchiato più volte in blu. La prima cosa a cui ho pensato, sono state le persone. Trovare giornaliste, giornalisti, tecnici, operatori, montatori, allestitori, scenografi. Trovare alleati. E per farlo rapidamente mi sono fatto aituare da amici e professionisti, da giornalisti e producer. Era il tempo di mettere insieme tutti i consigli possibili, di ascoltare e programmare, prima di agire e decidere.

Il lancio

I 130.000 minuti correvano e messa in piedi la struttura, lo staff e i contenuti, c’era da organizzare il lancio. Con Federico Bottacin, Facilities Manager e Alessandro Camagni, Head of Communication del Como 1907 abbiamo pensato agli aspetti logistici della conferenza stampa, mentre Como TV avrebbe preparato teaser, trailer e altre pillole per lanciare i vari format.

Il Lockdown

Non volevamo fermarci, non potevamo farlo. Ma non potevamo nemmeno girare immagini, intervistare, entrare in studio. Avevamo dei contenuti d’archivio, prodotti prima che tutto si fermasse e, per un po’, abbiamo usato quelli.

Il ritorno

Terminata la parte più dura della quarantena, siamo tornati piano piano a riprendere possesso dei nostri spazi, del nostro studio, dei nostri contenuti.

Il futuro

La stagione sta per ricominciare. Il campionato di Serie C ripartirà a fine settembre 2020. Como TV, però, non andrà in vacanza. Continuerà a produrre contenuti, aiutare l’azienda, seguirà la squadra anche in ritiro. Sarà un altro test in attesa di iniziare le partite, sarà un modo per rodare ancora di più una squadra che mi ha dato tantissimo in questi mesi e che ha saputo condividere con me questo viaggio bellissimo.

Sviluppiamo narrazioni che restano

Sviluppiamo narrazioni che restano